Tipi di pelle, come riconoscere la nostra tipologia di pelle

tipi di pelle

Tante volte leggiamo sulle confezioni delle creme o sentiamo dire pelle grassa, pelle secca ecc.. ma spesso non sappiamo ben riconoscere a quale tipologia apparteniamo, mentre è molto importante capirlo, per poi determinare i giusti prodotti da applicare sulla nostra pelle! Quindi cominciamo subito!

Tipi di pelle

La pelle, vi ricordo essere costantemente a contatto con l’esterno e dunque subisce continue azioni e modifiche, che ne mutano l’aspetto e la funzionalità. Oltre all’ambiente esterno, quindi fattori esogeni ad influire sull’aspetto cutaneo intervengono anche i fattori endogeni, ovvero quelli determinati dal nostro corpo come per esempio una maggiore produzione di sebo da parte delle ghiandole sebacee o problematiche a livello circolatorio, che portano modifiche a livello strutturale.

Le 6 tipologie di pelle, alle quali potrete identificarvi sono:

(leggi l’articolo che ti interessa di più in base alla tua pelle, troverai maggiori informazioni sulle caratteristiche della tua tipologia)

La pelle normale

La pelle secca

La pelle sensibile

La pelle couperosica

La pelle mista

La pelle grassa

Come riconoscere il nostro tipo di pelle?

Per riconoscere il nostro tipo di pelle è necessario porre attenzione sulle caratteristiche più evidenti, che la contraddistinguono!

– osserva la pelle dopo la pulizia: dopo la detersione infatti la pelle può essere facilmente riconosciuta per la tipologia a cui appartiene, infatti sono ben visibili brufoli, foruncolosi, punti neri (in una pelle grassa), le screpolature e il sentir tirare la pelle ( nella pelle secca), rossore, fastidio, prurito ( nella pelle sensibile), rossori e capillari visibili( nella pelle couperosica), saranno più evidenti le differenze tra zona secca e grassa (nella pelle mista), mentre non noteremo particolari caratteristiche nella pelle normale.

Spero vi sia d’aiuto!

I tipi di pelle-La pelle sensibile

pelle sensibile

La pelle sensibile

La pelle sensibile è una tipologia cutanea particolarmente delicata, poiché va facilmente incontro a episodi di irritazione, rossore, eritema, prurito e tendenze couperosiche.

La pelle sensibile può essere tale per vari fattori, per esempio può diventare sensibile in caso di contatto con specifiche sostanze allergizzanti o alcuni tipi di cosmetici, di metalli, di sostanze chimiche, oppure è sensibile senza una causa caratterizzante, lo è per natura.

La pelle sensibile ha bisogno di molte attenzioni proprio perché può manifestare velocemente rossori, screpolature, prurito ecc., inoltre è sottile, poco idratata e produce poco sebo (come la pelle secca). La pelle sensibile ha anche la tendenza ad essere couperosica, ovvero possiede delle alterazioni del microcircolo, che si manifestano in teleangectasie. La pelle sensibile è anche fotosensibile e dunque è necessario applicare una buona protezione prima dell’esposizione solare, per evitare la formazione di eritema.

Caratteristiche della pelle sensibile

sottile

delicata

tendente al rossore

secca

facilmente irritabile

pruriginosa

con presenza di capillari visibili

Trattamenti per la pelle sensibile consigliati

La pelle sensibile deve essere curata con estrema cura, utilizzando prodotti che per certo conosciamo e sappiamo che non daranno fastidio alla cute. Specialmente in caso di allergie devono essere evitati i prodotti che causano problemi alla pelle.

La pelle sensibile durante la pulizia deve essere trattata con gentilezza e delicatezza, senza strusciarla bruscamente, per esempio quando ci si strucca è opportuno eseguire movimenti circolari e infine tamponare il viso con un asciugamano.

Sono ottimi da eseguire, sulla pelle sensibile, per calmare rossori e irritazioni, impacchi alla camomilla, alla malva e alla calendula, che offrono alla pelle un azione lenitiva e decongestionante. Inoltre è opportuno eseguire delle maschere idratanti e calmanti almeno un volta a settimana!

I tipi di pelle-La pelle secca

La pelle secca

La pelle secca è una tipologia di pelle particolarmente asciutta,  disidratata e alipica (priva di grassi). La pelle secca infatti ha difficoltà a mantenere l’idratazione cutanea, poiché c’è una perdita di acqua causata dall’assenza della barriera idrolipidica composta dai grassi, che dovrebbe appunto bloccare la perdita di acqua.

 

Inoltre la pelle secca non è lubrificata, poiché le ghiandole sebacee producono poco sebo, di conseguenza il suo aspetto è opaco.

La pelle secca può essere disidratata  in superficie: é tipica dell’età giovanile, la pelle infatti non ha perso elasticità e tono, ma è priva di acqua nello strato dell’epidermide e a volte questa mancanza di idratazione è causata da una scorretta detersione del viso o del corpo (troppo aggressiva).

La pelle secca può essere disidratata anche in profondità: in questo caso la perdita di acqua è maggiore e arriva a occupare anche il derma, rallentando il lavoro di collagene ed elastina, qui infatti comincia a perdere elasticità e a formare rughe.

La pelle secca è influenzata dai cambiamenti climatici come il freddo, il vento e il sole, che contribuiscono a seccare e privare la cute di idratazione. Inoltre sopporta poco detergenti e prodotti con sostanze troppo acide o contenenti alcool, che provocano prurito, fastidio, desquamazione.

Caratteristiche della pelle secca

sottile

poco elastica

fragile

opaca

desquamata

disidratata

alipica

Trattamenti per la pelle secca consigliati

La pelle secca deve essere costantemente idratata, senza esagerare però, altrimenti otterremmo l’effetto opposto e la ritroveremo ancora più secca!

Quindi il mio consiglio è tenerla pulita con delle detersioni delicate, scegliendo e preferendo prodotti privi di sostanze aggressive (mai lavarsi con saponi troppo forti, specialmente mai sul viso). Lo scrub può essere effettuato una volta ogni 15 giorni, per non stressare la pelle e seccarla ulteriormente.

Inoltre un aspetto molto importante è quello di applicare delle maschere nutrienti, che aiutano la pelle ad idratarsi e nutrirsi in profondità, per il viso ottima anche la semplice maschera al miele e olio d’oliva.Consiglio di applicare le maschere almeno una volta a settimana, mentre l’utilizzo di una buona crema è fondamentale per questo tipo di pelle, che non può proprio mancare (all’Aloe molto utile per ripristinare l’idratazione)! Infatti l’utilizzo quotidiano della crema aiuta la pelle secca a rimanere tonica ed elastica, previene la formazione di desquamazioni e crea la barriera lipidica, che da sola la pelle, non riesce a produrre abbastanza da proteggere completamente la cute.

I tipi di pelle-La pelle normale

pelle normale

La pelle normale

La pelle normale è quella che troviamo tipica nei bambini ma non solo. Lo strato corneo è omogeneo. La cute è ben idratata e protetta dallo strato lipidico, rilasciato dalle ghiandole sebacee senza eccedere e lasciare untuosità, anche gli altri stati cutanei reagiscono bene al pizzicottamento, senza provocare eccessivo rossore e tornano facilmente allo stato di riposo grazie all’elasticità. Al sole, questa tipologia di pelle reagisce bene.

Caratteristiche della pelle normale:

compatta

liscia

elastica

tonica

rosea

priva di inestetismi

Trattamenti per la pelle normale consigliati

La pelle normale non avendo particolari problematiche non necessita di un trattamento specifico e mirato, ma ciò non significa, che non deve essere curata!

La pelle normale, se trattata bene infatti, è resistente e in buona forma, ma necessita comunque di  protezione dagli agenti esterni come vento, eccessiva esposizione solare, freddo ecc..

Dunque tenete pulita la pelle normale, la sera struccatevi prima di andare a dormire e passate del tonico e concludete con una crema idratante leggera. Una volta a settimana potete eseguire uno scrub, per esfoliare e rinnovare la pelle sia sul viso, che sul corpo.